Translate

giovedì 11 febbraio 2021

Buon anno del Bue /Mucca di Metallo Yin

La Mucca o il Bue bianco che traccia la via





All'alba lunare del 12 Febbraio 2021, intorno alle 8 e 05, l'energia del nuovo spirito animale che dominerà per 13 lune, la Mucca/Toro/Bue/ Bufalo-a, si espanderà a spirale nel nostro tempo del Mondo di Mezzo. 
Sarà un incontro atteso, quello con la sua sacralità antica, la sua saggezza, la sua mansuetudine selvaggia e generosa e...ci indicherà la Via.
In molte culture, tra cui quella minoica e indiana, la Mucca è stata ed è tuttora sacra. E' cosmica e il suo latte è galattico, cibo spirituale della Madre "Gau Mata", Matrice-Universo che è pura abbondanza. Per questo è simbolo di prosperità e di una Terra capace di accogliere in sé il Cielo, una terra lavorata e raffinata con amore, abitata dalle  molteplici forme di vita.
Le sue corna appartengono all'energia della luna crescente e fanno di questo animale uno specchio dell'utero cosmico. La corrispondenza dell'immagine dell'utero con la testa di questo animale sono impresse e scolpite in rocce sacre che troviamo in tutto il mediterraneo.
Ma anche il cuore ha un campo energetico che ricorda quella stessa forma, detto campo toroidale, e l'influenza che ha il nostro cuore nel mondo è proprio la geometria del toroide, la matrice divina di ogni Essere vivente, tra cui il pianeta.
Allora l'auspicio dell'anno può essere GENERARE CON IL CUORE,
 rivelare o rivelarsi si nella Purezza (il bianco),
creare il Nuovo concreto e forte come il toro, generoso e potente come la Mucca. 
Ergersi con tutta la nostra forza per ritrovare l'armonia tra il sottile e il grossolano, restando liberi e vicini all'Essenza. 

Aldebaran è la stella della Costellazione del Toro che in questo momento splende nelle notti fredde del passaggio tra l'inverno e la primavera. Cerchiamola nel Cielo per collegarci alla sua energia antichissima.
Il Nuovo arriva quando comprendiamo la Via del ritorno...

Ana Cuenca




Estratto tradotto dall'articolo di Georges Charles sul Bue di Metallo, visibili su tao-tin.fr:

 


Come dice Zhuangzi (Tchouang Tseu) ;


“E’ camminando che il cammino si traccia. La giusta misura permette la pratica. Praticare è sperare in un risultato. Essere vicini al risultato è essere vicini al Tao. Bisogna affermare questo fatto ! “.


Il Bue/Mucca di Metallo è anche d’oro che è simbolo di prosperità. L’oro è semplicemente il “Metallo dell’Imperatore” (Wang Jin).


Dalla notte dei tempi ci accompagna. Sono stati ritrovati dei resti di due milioni di anni in Cina a Longupo, rappresentava per i nostri antenati, nelle grotte ornate, la forza caotica, la potenza della terra. Nelle gallerie si situa a destra (forza della terra) mentre il cavallo è situato a sinistra (forza Celeste). Ritroviamo spesso l’equivalente della Runa UR (toro) e la Runa FA (cavallo). Le due prime rune dell’alfabento runico sono FA Ur. Precedette il cavallo come mezzo di trasporto.



Questo anno del Bue di Ferro Yin è situato sotto la doppia influenza della Terra Chou (secondo ramo Celeste Yin) e del Fuoco Gui 8Secondo Tronco Terreste Yin). E’ quindi un anno  Tai Yin (Grand Yin) come il 1962.


Secondo il trattato del  Dr A. Chamfrault nel suo tomo 5 del Trattato di Medicina Cinese pagina 214- pubblicato da Coquemard a Angoulème nel 1963

“Vediamo che questo anno è sotto il signo terreste del Legno e sotto il segno celeste di Shao Yang (di cui la Tigre è l’emblema simbolico). Leggiamo nel So Ouen (Trattato di Medicina Interna Dell’Imperatore Giallo) : “All’inizio, durante l’anno retto da Shao Yang fa più caldo che negli altri anni. Il calore è spesso la causa di malattie i cui sintomi sono: ascessi, diarrea, gonfiori, vomir, dolori al cuore”.


Per i Praticanti notiamo che malgrado si tratti di un anno Grande Yin subisce un influenza esterna del Legno e della Tigre. Per questo possiamo definirlo un anno caratterizzato dal coraggio e dalla rettitudine necessaria per cingere l’ambiente della strategia manipolatrice del Grande Yin. Siamo avvertiti.


Caratteristiche della Mucca/Bue


Il bue è taciturno ma adora essere cincordato da amici, è coraggioso ma riflette ed è paziente. Ha il senso del dovere ma non ama né le ricompense né le decorazioni. E’ tenace e di una grande integrità intellettuale ma può anche dare prova di ostinazione, fino alla fissazione.

E’ molto attaccato ai suoi cari e ai suoi beni ma può diventare possessivo e dipendente. Ama ciò che è solido, stabile, confortevole e maturo. E’ laborioso, testardo ma ben organizzato. E’ suscettibile ma non porta rancore, è fiducioso, sopratutto in sé stesso e nella sua forza di persuasione

Si mette a servizio a condizione di non perturbare le sue abitudini. Possiede un senso innato del tempo e per questo è un economo. Ispira fiducia e rispetto, spesso meritato. E’ perseverante, inflessibile, pragmatico e autoritario ma prudente.





Nelle grotte di Niaux (Ariège) vediamo il bisonte /bufalo collegato alle sette stelle dell’orsa maggiore. I cinesi chiamano questa costellazione “aratro”. L’occhio dell’animale rappresenta la stella polare!





Il Bue fa parte del Palazzo del Settentrione (Nord) e si gira naturalmente verso la stella polare che gli indica la direzione in cui tracciare il solco. Simbolo del proprio cammino o Via spirituale o Destino.


L’alchimista, chiamato « il contadino» è colui/colei che sa utilizzare questa forza iniziale, questa materia “bruta” e intera che dovrà macinare e triturare per poterla trasformare e sublimare. “Senza il grossolano non esiste il sottile, perché ciò che è in alto è come ciò che è in basso”. E’ questo “grossolano” che servirà di punto d’’appoggio per elevarsi “fino alla stella polare” che è “custodita sotto l’aratro”.  “L’aratro” designa le sette stelle dell’orsa maggiore, la costellazione che indica il cammino, quindi la Via.  E il solco del vomere è quindi l’Opera alchemica o filosofica. Laozi, non è l’inventore del Taoismo, ma colui che lo “scopre”. In diritto colui che “inventa” un tesoro è colui che scopre, quindi lo porta alla luce, togliendo quello che lo tiene nascosto. Non è quindi strano che sia rappresentato mentre cavalca un bue.






E’ il “contadino”, l’alchimista che riscopre, che inventa l’antica tradizione, quella in cui le immagini, i simboli, sostituivano le parole. Il simbolo è movimento in azione, mentre la parola scritta è un contratto. Il simbolo riunisce ciò che era separato e produce il risveglio.





martedì 25 agosto 2020

Corsi di Qi Gong e Alchimia Interna a Bologna

Quest'anno la scuola energia e Armonia propone due corsi di 
Qi Gong a Bologna:

Il LUNEDI
A partire dal 28 Settembre c/o il Laboratorio Silvani
in Viale Silvani 10/C
Dalle 18.00 alle 19.00

IL VENERDI
a partire dal 2 Ottobre c/o il Centro sociale ricreativo LUNETTA GAMBERINI
in Via degli Orti 60
Dalle 18.00 alle 19.00

Il corso di Alchimia Interna riprenderà il 28 settembre dalle 19.00 alle 20 e 30
Ogni lunedì fino a fine Maggio
in Viale Silvani 10/C

Insegnante: Ana Cuenca

Per informazioni dettagliate scrivere a ana@anacuenca.it
oppure chiamare al 3402503492

martedì 21 gennaio 2020

Buon anno del Topo di Metallo

Buon anno del Topo Bianco 

o topo sotto la trave




Il 25 Gennaio di questo anno 2020 comincia l'anno del Topo Bianco, collegato all'elemento Metallo, intorno alle 8.15 del mattino qui in Italia, con il sorgere del primo bagliore della prima Luna. Viviamo un momento di grande cambiamento su tutti i piani della nostra esistenza e ad aiutarci in questo passaggio arriva l'energia di un animale che è fu il primo,  come si racconta nella tradizione cinese, ad arrivare dal Budda. Quindi siamo all'inizio di un nuovo ciclo di dodici animali, è anche a livello dell'influenza lunare un "re-start". 
Si racconta che per arrivare primo il topo prese un "passaggio" dal bue che si stava avviando al suo incontro con il Budda e che quando abbassò la testa per salutarlo, saltò fuori il topo...

Saremo quindi aiutati da una grande abilità a "sfruttare" le occasioni e l'energia che già si trova a nostra disposizione per arrivare a una grande meta...intendo spiritualmente, all'ascensione, o a metterci al riparo sotto la grande trave maestra del tetto. Nel nostro piccolo e con atteggiamento umile, possiamo utilizzare la strategia e la grande capacità di sopravvivenza di questo animale, senza tralasciare i dettagli e le piccole cose, perché lo Spirito del topo ci ricorda che quello che sembra piccolo può essere più importante e potente di quanto immagini. 

Per fare questo passaggio epocale servirà quindi spirito di osservazione e tempo per "annusare" quello che abbiamo bisogno di sapere. Nell'impazienza di conquistare obiettivo e perseguire i sogni, è facile dimenticare quanto è importante avere una comunicazione chiara e occuparsi delle piccole cose, compresi i piccoli segnali di infelicità o le "vocine" interne. Che significa: prestare attenzione a ciò che è giusto ai tuoi occhi ed agire di conseguenza.
"Non sottovalutare te stesso o il tuo potenziale di co-creare qualcosa di sorprendente quando presti attenzione ai dettagli" Dice lo spirito del topo...perché è grazie alle sfumature e al continuo riadattamento (c'è sempre qualcosa da imparare!) che questo animale conquista grandi territori, nonostante abbia tantissimi predatori.

Il topo dice: "Toccherò ogni cosa con i miei baffi per poterla conoscere"...senza però spaccare il capello in quattro!!! :-)


Qui sotto trovate la traduzione dell'articolo del Maestro Georges Charles sull'anno del topo: 

"In occidente il topo è mal visto. Probabilmente perché viene dall'Asia... Infatti il ratto nero è originario dell'Asia del Sud Est e si è espanso seguendo le Legioni di Roma. Sicuramente esistevano delle relazioni commerciali tra l'Occidente e l'Asia ben prima di Marco Polo. Il suo concorrente fu il ratto detto "norvegese", che contrariamente al suo nome latino è originario della Persia e che seguite le invasioni che toccarono l'Europa Centrale, da dove di espanse su tutto il pianeta, a partire dal 1700. Viene riportato che in autunno del 1727, in seguito a un terremoto, i ratti fecero irruzione in grandi masse dalle coste del mar Caspio e attraversarono a decine di migliaia il Volga vicino ad Astrakan da lì si espansero rapidamente verso Ovest. Infestarono le grandi città, amplificando probabilmente le epidemie di peste. 

Anche se fa paura il topo è molto utile per l'eliminazione dei rifiuti, uno studio ha dimostrato che se non ci fossero i topi nelle fogne delle grandi città, in tre settimane si arriverebbe a toccare la catastrofe sanitaria.

In Oriente invece questo animale è ben considerato e addirittura onorato in India e in Cina e in Giappone le viene reso onore attraverso cerimonie religiose e profane. In india in particolare topo si dice Kabas, che significa bambino, che dimostra una certa mansuetudine rispetto ai problemi che può provocare, se in grande numero. Notevole è anche Mushika, il topo di Ganesh, che è il suo cavallo...




Questo anno del topo di Metallo è influenzato da ciò che rinasce in profondità, l'embrione, per elevarsi verso la stella polare. E' come se il topo di Terra (che sarebbe il topo giallo) dalle profondità del suo territorio arrivasse al granaio per sistemarsi sotto la trave principale che sorregge il tetto, quindi di buon augurio. E' il topo del Tai QI...
Un topo strategico, calcolatore, raffinato, forse anche un po' opportunista che non dice totalmente la verità ma su cui si può contare quando c'è davvero bisogno. Sopratutto ha una reputazione da previdente, occupando le case dove c'è abbondanza.

Le sue caratteristiche quindi si contano tra quelli che hanno l'abilità, la specializzazione in qualcosa. Sono maestri di un'arte, o per lo meno, così fa sembrare. E' dunque "esperto" in qualcosa e ci tiene a farlo sapere procurandosi abilmente degli ottimi "protettori" alto locati, come il Budda o Ganesh. Come possiamo detestarli, se hanno tanta furbizia e faccia tosta?

Ingegnoso, energico, intelligente, astuto, sociale, seduttore. E l'ombra? Un po' manipolatore, speculatore diremmo. Non è gentile con "chi viene da fuori", non si fida di ciò che non conosce, ma è un protettore attento della sua progenie, per questo è visto un po' come "romantico". Può diventare a volte un po' sornione, lamentoso e incline a far lamentare del suo comportamento, ha delle buone relazioni con la Scimmia e il Drago, un po' meno con la Lepre e il Cavallo.

Il topo di Metallo è dominato dal Fuoco, per questo è considerato particolarmente intelligente, ama creare e dare forma a progetti e possiede molti talenti. Pecca un po' di mancanza di modestia e si considera generalmente come il migliore nel suo dominio particolare. Non smette di influenzare il suo ambiente e sembra un bonaccione, ma può essere anche un po' cattivo e vendicatore se si sente tradito. 

E' anche capace di mangiare le corde, i legacci, come nella favole de La Fontaine del "leone e il topo", è quindi considerato come un liberatore delle inibizioni. E' colui che rompe gli ormeggi e che autorizza qualcosa che fino a quel momento era mal considerato. E' forse per questo che i giapponesi, tradizionalmente un po' chiusi e rigidi per certi aspetti, lo apprezzano e lo rispettano. 

Il topo di metallo può quindi liberarsi dalla presa del Maestro del Cuore, energicamente parlando e tornare alla libertà che gli suggerisce il Cuore Mente e non il Controllo.

Tratto da "L'année du Rat de Métal" di Georges Charles
www.tao-yin.fr







domenica 15 settembre 2019

Qi GONG per la Terza Età



a Vergato il Mercoledì dalle 15.30 alle 16 e 30


Il Qi Gong può essere considerato come poesia in movimento. L'armonia dei movimenti, la lentezza nell'esecuzione degli stessi, l'estrema adattabilità degli esercizi alla età, alla condizione di salute e al tempo a disposizione del praticante, rendono il Qi Gong particolarmente indicato alle esigenze degli anziani. Obiettivo del corso è allenare la vitalità dell'individuo, nella sua globalità e unicità. apportando dei benefici a livello fisico, psichico ed emozionale. Una proposta pratica per portare un concetto orientale millenario, nella cultura occidentale moderna. Il QI è Energia ma sopratutto respiro e attraverso l'espansione delle sequenze respiratorie possiamo portare coscienza e ascolto al nostro corpo e sentire di cosa abbiamo realmente bisogno. Aumentando il respiro portiamo una rigenerazione generale al sistema psicofisico aumentando la resistenza, l'equilibrio, la coscienza motoria e rafforzando le difese naturali dell'organismo.

Dove : Centro polivalente Franco Nanni, via Fornaci 343/H

Insegnante
Ana Cuenca certificata da TaoYinItalia e ADAM Arts Classiques du Tao, a Parigi,
praticante dal 2002, insegna dal 2009.
Per info sugli abbonamenti e iscrizioni : 3402503492 o ana@anacuenca.it 

Corso di Qi Gong/Kung Fu per bambini


il Kung Fu si basa sulla non-violenza e su profondi insegnamenti morali. La bellezza di impararlo è che esso comprende non solo l’aspetto fisico dello “sport”, ma un complesso di lezioni morali e spirituali a tutto tondo. Rispetto ad altri sport, in cui la competitività feroce e il “vincere a tutti i costi” sembrano essere le parole d’ordine, non è sorprendente che molti bambini alle prese con problemi di autostima e aggressività fuori controllo traggano giovamento dalla pratica del Kung Fu.
Il vostro bambino/a impara molto più che tecniche marziali, partecipa a vere e proprie lezioni di vita, acquisendo competenze che avrà per tutta la vita, gettando le basi per una vita serena, regolata e soddisfatta.  il Kung Fu/Qi Gong ha vantaggi specifici rispetto alle altre arti marziali per bambini, costruisce la fiducia e l’autostima così come l’autodisciplina, il rispetto, la concentrazione e la cortesia.
Il Kung Fu è l’ideale per i bambini che non eccellono negli sport di squadra, perché dà loro la possibilità di coniugare pratiche fisiche e mentali. A questo proposito un supporto importantissimo è imparare fin da piccoli le leggi dell'Energia con il Qi Gong, per poi poterle applicare a tutto ciò che si conosce.
a Vergato il Mercoledì dalle 17.00 alle 17 e 45

Nelle lezioni lavoreremo sull’aspetto posturale psico- motorio, su esercizi in singolo ed in coppia, sulla relazione tra i bambini, sul confronto costruttivo, sull’equilibrio, sull’attenzione, il rispetto e sulla meditazione. Verranno studiate 5 forme dello Shaolin antico dei 5 animali tradizionali (Drago, Tigre, Leopardo, Scimmia e Gru) e per ciascun animale giocheremo cercando di interpretarlo, sentendo il suo spirito e i suoi movimenti. Approfondiremo poi con la pratica del Qi Gong (lavoro sull’energia).

Aquile 1° e 2° elementare (gruppo di 2-4 bambini) Tigri 3°, 4°, 5° elementare.(gruppo di 2-6 bambini) Dove : Centro Polivalente Franco Nanni 343/H 

Insegnante Ana Cuenca certificata da TaoYinItalia e ADAM Arts Classiques du Tao, a Parigi, praticante dal 2002, insegna dal 2009. Ha animato corsi per le scuole elementari di Vergato e Tolè. 
Per info sugli abbonamenti e iscrizioni : 3402503492 o ana@anacuenca.it 

sabato 14 settembre 2019

Corsi di Qi Gong 2019-2020 a Vergato

Quest'anno l'associazione propone tre corsi nello stesso spazio 
il Mercoledì pomeriggio e sera: 

dalle 15 e 30 alle 16 e 30 Qi Gong per la "terza età"

dalle 17.00 alle 18.00 Qi Gong/Kung Fu- adattato ai bimbi- da 5 a 9 anni 

dalle 18 e 30 alle 20.00 Qi Gong per tutti, adulti principianti e avanzati. 


In primavera potremo praticare di nuovo bastone cinese e spada.

 E' possibile anche fare un percorso personalizzato, con degli obiettivi precisi.

Non esitare ad informarti: 3402503492

c/o Centro Polivalente Franco Nanni, via Fornaci 343/H

mercoledì 6 febbraio 2019

Corso di Alchimia Interna (Qi Gong sciamanico)



Il Qi Gong è una pratica energetica e spirituale che ha radici sciamaniche antichissime. Il suo fine era allungare la vita allungando il respiro, purificando il corpo fisico da ciò che poteva comprometterne l’armonica relazione con la fonte dell’energia. Le sequenze di movimenti che sono arrivate fino a noi sono state codificate in epoca tarda, quando la pratica dei vari tipi di Qi Gong arrivò alla corte degli imperatori cinesi. Ma quei movimenti appartenevano a un insieme di danze sciamaniche più antiche di matrice femminile, completamente inserite in una visione Unitiva della realtà, dove non esisteva ancora la separazione tra l’Essere Umano e la Natura.
In questo corso sarà possibile abbandonare le sequenze classiche e tornare all’essenza, alla radice, all’atteggiamento unitivo che per centinaia di anni ha permesso l’evolversi della pratica. Ogni lezione è unica e canalizzata secondo il reale bisogno dei gruppo e delle partecipanti.

Insegnante Ana Cuenca, più info su
www.energiaearmonia.blogspot.it
Giorni e orari:
Tutti i lunedì dal 30 Settembre 2019 a fine Maggio 2020 dalle 19.00 alle 20 e 15.
Quest'anno la pratica si potrà anche arricchire di approfondimenti due sabati al mese presso la sede di Armonie, in via Emilia Levante 41 a Bologna. Le date programmate sono il 12 e il 26 Ottobre, il 23 e 30 Novembre e il 14 Dicembre.


Per info sui costi e iscrizioni: ana@anacuenca.it, laportawomen@gmail.com o telefonare al 3402503492